28/9
2018

Nostalgia e barbarie

Avevo sempre pensato, e a maggior ragione negli ultimi mesi, che a Matteo Salvini interessasse solamente il potere. Alla fine le motivazioni che spingono gli uomini ad agire si possono ricondurre ad un numero piuttosto ristretto: potere, edonismo, amore, ideologia, poco altro. Escludo che Salvini si stia sbattendo così tanto trascinato dalle proprie idee, ha più volte dimostrato di poterle adattare all’interesse del momento con una certa flessibilità ed apparentemente gli manca del tutto la spinta passionale, le sue ossessioni mediatiche sembrano platealmente calcolate a tavolino. Il potere, quindi. La bramosia di esercitare un’autorità, di dare ordini, di indirizzare i destini di una nazione. Č presto per dire se questo mio pregiudizio nei suoi confronti fosse infondato, ma nelle ultime settimane si sta insinuando un dubbio nei miei pensieri. Salvini è al comando, ha piegato il sistema politico ai suoi piedi ed ipnotizzato una nazione molto propensa a farsi ipnotizzare. Anche se formalmente è solo un numero 2, di fatto al momento è una delle persone con maggiore potere in Italia. Un potere effimero, forse, ma a maggior ragione mi aspetterei che cerchi di trarne il maggior vantaggio personale possibile. E cosa se ne fa? Anche se il culto della sua personalità continua a crescere prepotentemente alimentato dalla sua abile rete mediatica, non risulta che ne stia approfittando per girare in cadillac d’oro, costruirsi ville con vulcano o intitolandosi strade e piazze. Ha trascorso l’estate giocando a gavettoni in spiaggia e facendo il tour di tutte le feste locali della lega, quel genere di feste dove si mangiano panini con la soppressa e si beve vino alla spina di cattiva qualità. Può darsi che stia ancora investendo sulla propria immagine di uomo comune, prima di far erigere una statua con le sue orrende fattezze in piazza del Duomo. Ma se invece fosse proprio quello il suo obbiettivo finale, l’impulso primordiale che spinge le sue azioni? Il piacere di girare spensieratamente di sagra in sagra, mangiare sui piatti di plastica ed ubriacarsi di alcolici scadenti, libero di ruttare e farneticare di politica mentre una cover band di Vasco Rossi suona in sottofondo? Ne conosco tanti, così: capelli lunghi nonostante la stempiatura, maglietta dei guns n’ roses tirata sulla pancia, orgogliosi di assistere al concerto di Ligabue o di riuscire ancora a far tardi in birreria. In questo caso, anche il tentativo di Salvini di spingere il Paese verso l’autoritarismo e persino i suoi beceri appelli al razzismo non sarebbero la strategia di un politico ambizioso e spietato, ma solo i sintomi di una malcelata sindrome di Peter Pan che tende ad identificare negli anni dell’adolescenza un passato glorioso a cui ritornare. Č solo una sfumatura socialmente più pericolosa di chi rimane patologicamente affezionato ai cartoni animati degli anni Ottanta, chi ricomincia a giocare ai Pokemon a quarant’anni o vorrebbe un mondo senza smartphone. Anche senza negri, perché i negri non c’erano quando eravamo giovani, ma questo è più che altro un effetto collaterale.

Forse lo abbiamo giudicato frettolosamente, il Salvini. Forse ha più bisogno di cure di quello che si pensa. Ai posteri, come si suol dire, l’ardua sentenza.

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.