15/4
2009

Solo contro il mondo e la sua scadente ortografia

SMS da Nello, oggi ore 9.30:
"[...] Ricambio l’abbraccio tra vegliardi, anche se tutto questo affetto mi fa male al peacemaker."

Altro SMS da Nello, 4 ore di silenzio dopo:
"Sono proprio vecchio. "Pacemaker" e non "Peacemaker". Cazziami pure..."

(come se io me ne fossi accorto)

Un uomo chiamato Nello: 29 anni, ed è ancora l’unico che manda messaggi per rettificare i refusi nei messaggi precedenti.
Heppy birthdayz!

Note estemporanee di zio Lusky:
State alla larga dagli anarchici informali, gli anarchici per bene si riconoscono perché danno sempre del lei e dicono buongiorno, buonasera, prego, si accomodi, e grazie.




7/4
2009

Ovis homini kebab

Mentre medito sulle sciagure naturali e non, sugli sciacalli iscritti all’ordine e non, sui crolli e le perdite, il buonismo e l’ipocrisia e la sfavillante magia degli ospedali antiscismatici, il millenarismo d’avanzo ed il patriottismo da operetta, ma anche su un sacco di altre cose

(fumetti, lampadari e libri turchi, uova di quaglia, fatture, nuvole)

mi passa improvvisamente dinanzi agli occhi un branco di pecore, vagolante crudo per le avenide del Borgo.

beh?

Erdogan ringrazia così la mia sponsorizzazione del turismo in Turchia, per quanto Obama abbia assicurato che era sua intenzione passare comunque.



Non è che a qualcuno avanzano due pezzi di pane e, chessò, una damigiana di yogurt?




3/4
2009

Cose turche, vol. 3

Fauna: ad Istanbul si incontrano prevalentemente 4 specie animali vive ed una morta. Tra quelle vive imperversano i gatti, che proliferano in quantità impensabile grazie forse alla quasi totale assenza di cinesi e vicentini, girano in bande armate e si sono organizzati in una società parallela. Poi i piccioni, che però sono grandi il triplo dei piccioni nostri e fanno la faccia feroce. Infine le meduse, che rendono il Bosforo ormai quasi calpestabile. La specie animale di gran lunga più presente ad Istanbul, però, è morta, farcisce i panini e da viva faceva "beeeh".

Flora: pressoché esclusivamente tulipani.

Mangiare ancora: se il panino con la pecora non vi soddisfa, o volete consumare un veloce snack tra una pecora e l’altra, ad Istanbul esistono diverse felici alternative messe a vostra disposizione da uno stuolo di venditori ambulanti. In primo luogo, delle ciambelle di pane con i semini di sesamo sopra. Poi le pannocchie, a vostra scelta bollite o abbrustolite. Frutta secca, nocciole tostate, mandorle, cose così. Infine, le caldarroste. A Marzo, sì, cosa c’è di strano? Ad Istanbul vendono le caldarroste per strada a Marzo. Non chiedetemi il perché, son cose turche.

Ridere ancora: quella è "Samarcanda", non facciamo confusione.

Aya Sophya: è quella che una volta era la chiesa più grande del mondo, poi è diventata una moschea, poi Ataturk dopo aver brevemente valutato l’ipotesi di renderla sua residenza ufficiale l’ha trasformata in un museo. Peccato che tutto quello che si poteva portar via se lo siano portato via i passanti (soprattutto crociati e mezzalunati), ma resta comunque una gran bella cupolona.

Suoni: in qualsiasi momento, ad Istanbul qualcuno sta gridando. Se non è il muezzin, è il venditore ambulante di pesce fresco, se non è lui è un automobilista che si trova la strada bloccata dal carretto del venditore del pesce, altrimenti è un altro muezzin.

I bagni turchi: il mio era piccolino, con il water, il lavandino e la doccia senza tendina, ma almeno non c’erano blatte. Quasi tutti i bagni di Istanbul, a proposito, avevano il water. La turca è stata ritenuta poco dignitosa per l’identità nazionale da Ataturk nel 1925.

Da vedere: tutto. Ogni passo ad Istanbul è una meraviglia, una gioia per gli occhi, per il palato e per tutti gli altri organi di cui non mi ricordo il nome. Tra tutte le città che io abbia mai visto (tre o quattro, quasi tutte in provincia di Vicenza) è sicuramente di gran lunga la più bella. Certo, ha una cappa di inquinamento sopra che pare il Borgo, ma un rapporto uomo-pecora decisamente migliore e quanta beltà, quanta sana confusione, quanta anarchica mescolanza di idee, quanta poca rottura di balle. Se qualcuno di voi ha una casa in centro ad Istanbul e cerca qualcuno che gliela abiti, mi offro volontario immanentemente.

[o continua o finisce qui, si vedrà]




2/4
2009

Cose turche, vol. 2

Ataturk: Mustafa Kemal, detto Ataturk, è il padre della Turchia (la madre essendo evidentemente la Fata Turchina). Ataturk è il tizio che negli anni ’20, quand’era un Giovane Turco, ha scacciato il sultano, modernizzato il paese e ridimensionato il ruolo della religione nella vita politica e sociale (no, non può venire anche in Italia, è morto). Se entrate in un edificio e non individuate un ritratto di Ataturk nel raggio di cinque metri, probabilmente non siete in Turchia. Mancare di rispetto alla memoria di Ataturk, per esempio chiamandolo Akittemuòrt, è severamente vietato in tutto il paese.

Religione: dopo il culto di Ataturk, la religione più diffusa è l’islamismo. Ciononostante, se vi aspettate che qualcuno vi tagli la gola appena scesi dall’aereo rimarrete delusi: l’islam in Turchia è invasivo sostanzialmente quanto il cattolicesimo in italia. Più o meno: al posto delle chiese ci sono le moschee, al posto dei campanili i minareti, al posto dei preti gli imam e così via. Certo, sul fronte dei diritti civili non stanno messi benissimo, ma abbiate pazienza. Arriveremo presto al loro livello.

Dormire: può essere difficoltoso, se avete bevuto troppi tè. E naturalmente all’alba tutti i muezzin della città si lamentano in filodiffusione.

Albergo: era piccolo, con stanze piccole e scarsamente accessoriate. Il personale però era molto gentile, dalla finestra si vedeva il mare e le tre rampe di scale non mi pesavano quanto quelle del bunker.

il Turco: è una lingua agglutinante, e con questo ho fatto felice Nello ed ho esaurito le mie conoscenze di linguistica. Ho provato per quattro giorni ad imparare a dire "grazie", alla fine ho rinunciato per sfinimento.

i Turchi: in genere sono persone gentili coi baffi, che vogliono venderti qualcosa. Sorridono sempre, cantano sempre e si distinguono dagli italiani perché hanno una tazzina di tè in mano al posto del mandolino. Le donne turche possono avere o non avere un fazzoletto in testa ed avere o non avere una palandrana lunga tipo Morpheus, ma apparentemente anche le donne col capo coperto e la palandrana possono: ridere, frequentare locali pubblici, indossare scarpe da ginnastica e sconvolgenti calzini rosa. Nei bar dove si bevono alcolici, a dire il vero, di donne non se ne trovano, ma considerando che sono due o tre in tutta Istanbul non è così grave come può sembrare.

Fumare come turchi: ad Istanbul, in qualsiasi momento, tutti stanno fumando. Il muezzin canta all’alba per ricordare che sono già passate sei ore dall’ultima sigaretta, ed alla settima si perde la nazionalità. I turisti fricchettoni ciucciano il narghilè ai bordi della strada e si sentono oh mi god so bohemienne!

Bestemmiare come carrettieri ottomani: dopo le prime otto ore di ingorgo, diventa tutto sommato comprensibile.

Fare acquisti: su tutte le guide viene consigliato di contrattare spietatamente ogni acquisto. Uhm, non è proprio così. In alcuni posti, come il gran bazar, la contrattazione è pressoché obbligatoria se volete essere imbrogliati un po’ meno. In altri, pure i turchi si sono scocciati di dover tirare sul prezzo per ogni cartolina e specificano chiaramente che i prezzi sono fissi. Non occorre contrattare ogni caffè che prendete, insomma, e non è neanche tanto gradito. Detto questo, io ed Amormio siamo stati un’ora a contrattare ferocemente il prezzo di alcune lampade con un ragazzo che proprio non voleva mollare, e con un uso sapiente della tecnica "poliziotto buono, poliziotto cattivo" siamo riusciti infine a spuntarla suscitando l’evidente ammirazione del venditore.

Dolciumi: se vi piacciono i dolci, Istanbul è il posto che fa per voi. Se siete dentisti disoccupati, Istanbul è il posto che fa per voi. Il dolce più conosciuto è la baklava, una specie di sfogliatina immersa nel miele. Il secondo dolce più conosciuto è il lokum, un quadratino gommoso ricoperto di zucchero a velo con dentro la nocciola. Una curiosità: se prendete un sacchetto di lokum, lo mettete in valigia e lo lasciate lì per qualche ora in una giornata mediamente calda, otterrete un unico grosso lokum con tante noccioline dentro.

[continua]




1/4
2009

Cose turche, vol. 1

Il titolo è un po’ pretenzioso, lo so, dato che in fin dei conti io ed Amormio siamo stati solo ad Istanbul. Ma è regola comune tra i turisti che una volta che si sia vista la capitale, si può far finta di sapere tutto di una nazione, no?

Uff, come siete noiosi.

Storia: una volta, tipo un milione di anni fa, Istanbul non c’era. Pare impossibile ma è così. C’era solo una strada per cui passavano i greci che andavano in medio oriente a fare a botte e tornavano carichi di bottino. Più raramente succedeva il contrario, che i greci tornassero senza bottino o passassero altri popoli dai nomi meno importanti che andavano a piantar grane in Grecia. Un giorno un tizio di nome Byzàs ebbe un colpo di genio ed aprì una locanda lungo la strada, si fermò sulla soglia e cominciò ad invitare dentro i passanti a mangiare un panino con dentro la pecora o bersi un tè. Inizialmente l’idea non ebbe molto successo, finché Byzàs (che era, appunto, un genio) non pensò di infilare uno spiedo nella pecora e cuocerla un po’ prima di metterla nel panino. A quel punto gli avventori furono così tanti che il locale si espanse, fu necessario organizzare dei turni per potersi sedere a mangiare, costruire degli alloggi per i clienti in attesa, dei bagni e cose così. Era nata una città, conosciuta per un breve periodo come Kebabbopoli e successivamente come Bysanzio.
Nel 300 e rotti dell’era cristiana passò da quelle parti anche l’imperatore di Roma Costantino, quello famoso perché si sognava i crocefissi, e decise di stabilirvi lì la nuova capitale dell’impero. Suo nipote Giustiniano vi fece edificare delle mura e qualche chiesa, e la storia pareva finita lì. Attorno al 1200, però, un inaspettato colpo di scena: un gruppo di crociati che visitava la città durante una gita organizzata dalla serenissima repubblica venne bellamente raggirato da un venditore di souvenir del bazar egiziano e per rappresaglia mise a ferro e fuoco la città, portandosi via tutto quello che poteva entrare nel bagaglio a mano. Neanche il tempo di riprendersi dall’accaduto, ed un paio di secoli dopo arrivano gli ottomani i quali, con la complicità del governo veneziano, conquistano la città, ne fanno la capitale del loro impero e si mettono a costruire moschee a destra e a manca senza ritegno. La costruzione delle moschee si arresta temporaneamente solo negli anni ’20 del Novecento, quando un altro tizio inventa l’alfabeto latino e decide che le donne sono più belle con i capelli al vento. Ora è al potere la Democrazia Musulmana e la costruzione di moschee è ripresa così come quella di fazzoletti per coprirsi il capo.
Unica cosa che non è cambiata in tutti questi secoli di storia è la pecora nel panino.

Geografia: Istanbul è a destra della Grecia e a sinistra della Turchia, con acqua sopra e sotto. Se chiedete informazioni a persone molto anziane, potrebbe essere utile ricordare che prima si chiamava Costantinopoli.

Arrivare: sbarcati all’una di notte dall’aereo, c’era un tizio in aeroporto che aspettava me ed Amormio con un cartello con su scritto "Prinz Lucky". Pure scritto sbagliato. Imbarazzante per me, figuriamoci per lui.

Muoversi: dicono che le strade di Istanbul siano piuttosto trafficate, ma questo non corrisponde affatto alla realtà. Le strade di Istanbul sono infatti intasate in gigantesco ingorgo che ebbe origine nel 1923, quando Mustafà Kemal detto Ataturk parcheggiò un attimo in seconda fila per bersi un tè, ed ora si estende fino alle coste meridionali dell’Anatolia. C’è gente che è nata e morta di vecchiaia senza mai scendere dall’auto di famiglia. Nei rari casi in cui un evento eccezionale provoca il materializzarsi di una strada sgombra, però, per sfogarsi gli istanbullesi pigiano sull’acceleratore per raggiungere il prima possibile l’ingorgo successivo, perciò attraversare la strada è rischiosetto. Vi consiglio di scegliere un albergo che sia sullo stesso lato della strada di tutti i posti dove volete o dovete andare. In alternativa, ci sono i mezzi pubblici, ma qui vi devo mettere in guardia perché presentano delle notevoli differenze rispetto a quelli italiani: funzionano, costano poco ed è molto difficile entrarci senza avere pagato il biglietto.

Mangiare: ad Istanbul si mangia il kebab. Punto. Però esistono circa ottantadue varianti del kebab, alcune delle quali si richiamano a riti antropofagi precristiani (Kokorec o qualcosa del genere) ed altre impastate col napalm, molte con la pecora, alcune con il pollo, con o senza yogurth, con la melanzana, ecc. Noi li abbiamo assaggiati tutti, tranne quello fatto con gli avanzi che vendono in italia, e sono tutti buoni. Inoltre, lungo le rive del Bosforo vendono i panini con dentro il pesce pescato nel Bosforo. Voi mangereste qualcosa che sia stato nel Bosforo? Nemmeno io.

Bere: i turchi bevono principalmente tè e yogurt annacquato. Il tè lo bevono sempre, ovunque, in qualsiasi momento, facendo qualsiasi cosa. In giro per la città è normale trovare bicchierini da tè vuoti, in attesa che qualcuno li ripigli e ci metta del nuovo tè dentro. Lo amano davvero molto. E’ un tè così forte che ci puoi accendere il motorino, ma buono; se ne bevi due non dormi la notte. Lo yogurt annacquato è pure salato, però dopo che l’hai provato un paio di volte non riesci più a farne a meno. Anche perché, mangiando solo carne, hai bisogno di qualcosa che risvegli il tuo intestino di quando in quando.
Oltre a queste due bevande base, i turchi bevono anche il caffè turco, che in italiano si chiama sciaquatura di piatti, ed il raki, che è l’unica bevanda alcolica ammessa nel paese. Una sera siamo entrati in una bettola per assaggiare ’sto raki, perché io ed Amormio siamo persone furbe che il sabato sera vanno nelle bettole di Istanbul ad ubriacarsi, e mentre gli altri avventori discutevano se accoltellarci o darci una botta in testa siamo giunti alla conclusione che si tratta di una specie di pastis amaro, e fa schifino. Lo si beve accompagnandolo con fettine di cetriolo e formaggio di pecora, che è l’equivalente turco delle nostre patatine. Alla fine, dato che abbiamo bevuto e mangiato tutto, a malincuore hanno deciso di risparmiarci.

[Continua]




25/3
2009

Poi torno, eh.

Certe volte mi chiedo cosa passasse per la testa al tizio che ha dato il nome al mar di Marmara. Voglio dire: mar di Mar-mar-a. Non è ridondantissimamente ridondante? Non è come se noi, per pigrizia, avessimo chiamato il Molise Regioregionella?*

Adesso vado a Costantinopoli e se lo trovo, glielo chiedo.

(voi statemi bene)



* Che pure, a ben pensarci, non è neanche un brutto nome.




25/3
2009

Qualcuno mi svegli prima di arrivare a Teheran

Quand’ero giovane, c’era il servizio militare obbligatorio per tutti i maschi apparentemente sani di corpo e di mente. Un divertimento incredibile, se la tua idea di servizio pubblico è imparare a fare la branda e ad uccidere le persone, ma molti di quei maschi sani di mente cercavano tuttavia di evitarlo in ogni modo. Alcuni, tra questi, facevano l’obiezione di coscienza: dichiaravano ufficialmente che le armi gli schifavano e la guerra era una cosa brutta e loro solo a vedere un po’ di sangue se la facevano sotto ed erano refrattari ad eseguire gli ordini e per loro erano tutti amici, anche i nemici, e comunque se i nemici li avessero catturati avrebbero rivelato tutto quello che sapevano ed anche buona parte di quello che non sapevano ed erano pertanto inadatti ad essere impiegati come materiale bellico. Questa era l’obiezione di coscienza, per come la conoscevamo noi ragazzi degli anni ’90, ma non è che ti alzavi la mattina dell’adunata, ti dichiaravi obiettore e tornavi a dormire, ou nou, era una cosa seria, dovevi produrre la tua bella quantità di carte da bollo, c’erano delle condizioni ben precise (basta una denuncia per rissa e l’obiezione di coscienza te l’attaccavi) e soprattutto accettavi la contropartita: mai e poi mai avresti avuto l’opportunità di essere assunto nell’esercito, nelle forze di polizia o in qualunque altro posto di lavoro dove fosse necessario voler sparare a qualcuno, mai e poi mai avresti potuto richiedere un porto d’armi, mai e poi mai, insomma, avresti potuto fare qualcosa di incompatibile con quell’aureola candida che ti eri messo in testa. Mai e poi mai - anche se poi dev’essere uscita qualche legge che rende possibile revocare l’obiezione, ma ai tempi mica si sapeva. Insomma, si evitava il militare, si faceva comunque un’attività di servizio civile per lo stesso tempo o anche più, e si accettava l’impegno di comportarsi per tutto il resto della vita in modo almeno formalmente coerente con questa scelta.

Non è che uno potesse fare obiezione di coscienza ed arruolarsi ugualmente, fare le marce e sparare col fucile e poi al momento in andare a fare le esercitazioni col carrarmato o tirare le bombe a mano tirarsi indietro e fare il tifo. Proprio non si poteva. Fidatevi, mi ero informato.

Allora qualcuno mi spieghi come cazzo mai un medico può rifiutarsi di praticare aborti o prescrivere la pillola del giorno dopo e pretendere di fare il medico lo stesso, o praticare nel proprio studio privato quello che si è rifiutato di fare nell’ospedale pubblico da cui riceve lo stipendio. La sua obiezione di coscienza che valore ha, cosa comporta, a chi l’ha dichiarata ufficialmente, cosa gli costa? Perché a me che ero uno stronzetto diciottenne avete chiesto di firmare carte che mi avrebbero impegnato per tutta la vita e a lui è concesso esercitare a sua discrezione un diritto che non lo vincola in nessun modo? Me lo chiedo perché magari c’è un ottimo motivo ed io non ci sono ancora arrivato ed anche perché, chessò, se uno può fare obiezione di coscienza quando e come gli comoda magari un giorno si sveglia e decide che la sua coscienza gli vieta di somministrare antidolorifici ai moribondi, o di eseguire interventi d’urgenza la domenica, o di effettuare il pap test ad una paziente con la vagina depilata perché indice di deplorevole condotta morale. Esagero, eh, come sempre. A parte che l’ultima pare sia vera.




20/3
2009

Terra Nostra: sopravvivere alla crisi con i nostri amici brasiliani

In questi giorni, sarà la crisi sarà la primavera, sono stanchissimo ed ho sempre sonno. Il lavoro continua ad interferire fastidiosamente con tutte le cose interessanti che potrei fare nel tempo libero, ma per questo temo di non avere alternative almeno fino a quando le cassiere della coop non accetteranno fumetti usati come buoni-spesa. Inoltre, la mia opera di destabilizzazione della dittatura prosegue un po’ a rilento, del resto non mi aspettavo fosse così difficile trovare dei capelli di Berlusconi per la mia bambolina vudù. Capelli veri* intendo. Il risultato è davanti agli occhi di tutti: cani canaglie, un ministro che paragona le proteste studentesche a moti di guerriglia (il famoso "abbassare i toni" tanto caro alle nostre istituzioni), un papa che ricorda quanti problemi creino i preservativi (il suo segretario una volta ha rischiato di ingoiarne uno), un primo ministro che dice di lasciare in pace il papa, che già ha tanti problemi (con i preservativi), ecc. ecc. in un crescendo fino al nuovo film di Tom Hanks. Perciò oggi pensavo di riposarmi e dedicarmi a risolvere alcuni dubbi sollevati dai miei infedeli lettori, almeno a quanto risulta dalle chiavi di ricerca che hanno raggiunto questo sito. Esatto, proprio come se fossimo ancora nel 2004, quando io avevo più capelli e Berlusconi meno e tutti eravamo felici.

* Da questo punto di vista trafugare i cuscini del Ministro delle Pari Opportunità è stato del tutto inutile, ho trovato solo inservibili filamenti di nylon.


Visto che la maggior parte dei pervertiti arriva qui cercando uno spogliarello integrale, foto di sedicenti sedicenni tettone ed altri riferimenti pornografici (su internet? ma come vi viene in mente?!), oppure vogliono scoprire chi è che urla "e invidiare le ciminiere perché hanno sempre da fumare" (Marco Carta, "Per combattere l’acume") o cosa succede se si sniffa la trielina (qualcosa di molto bello, tu muori e noi abbiamo un idiota di meno a produrre gas serra), opererò una selezione concentrandomi su un argomento che mi sta particolarmente a cuore.

(anche perché su, dai, "erezione dottor manhattan"? non c’è mica così tanto spazio su internet, gente!)

TERRA NOSTRA, L’ESPERTO RISPONDE
Innanzi tutto: "Terra Nostra" è un melodramma seriale televisivo che parla di una cricca di immigrati italiani in Brasile all’inizio del secolo scorso (il Novecento, se siete particolarmente storditi). La storia d’amore e idiozia tra Matteo e Giuliana si intreccia con le vicende di una serie di personaggi più o meno secondari, tutti a vario titolo coinvolti nella coltivazione del caffè. In realtà, un po’ come in Apocalypse Now, la vera protagonista è Rosana, adorabile psicopatica che per amore riuscirà a rovinare la propria vita e quella di quante più persone possibili (tuttavia Rosana in Apocalypse Now aveva un ruolo decisamente minore). Spicca inoltre un’ampia sottotrama dedicata al giovane Barack Obama, dalla sua nascita come figlio di una schiava nelle fazende fino alla sua ascesa alla presidenza degli Stati Uniti.

Di seguito le vs. richieste:

terra nostra figlio nana: a parte che si chiama Nanà, con l’accento, suo figlio è il piccolo Josè Anseo. Verso la fine della telenovela verrà reso noto che il padre del ragazzo è Gumercindo, e questo dapprima creerà un certo scompiglio, ma poi tutti accetteranno il fatto come una delle cose che possono succedere quando ti scopi le schiave nell’amaca. Il piccolo cambierà il proprio nome in Barack Obama e diventerà presidente degli Stati Uniti.

terra nostra gumercindo: un po’ vago, no? Gumercindo è il fazendero che se la faceva con le schiave nell’amaca (ah, Brazil!) ed è il padre di Rosana e Angelica (oltre che di Barack Obama e di un altro marmocchio di cui non ricordo il nome). E’ una persona molto elegante, talvolta un tantino stronza, ma fondamentalmente un drittone. Soprattutto all’inizio della storia dimostra uno spiccato gusto fetish per gli stivali neri tipo nazista.

terra nostra bruno e florinda: la coppia così stupida, ma così stupida, che al confronto la marini e un suo fidanzato a caso sono intelligenti. Ad ogni modo, mi risulta che alla fine si sposino o fidanzino, ma non so come i genitori di lui abbiano preso la notizia.

franceschino terra nostra: questa è difficile... Franceschino (Francesco Maiano Segundo) da quanto ricordo alla fine inspiegabilmente non viene recuperato dall’orfanotrofio dove era stato portato dalla donna delle pulizie, pur essendo stato rintracciato. Spero che la director’s cut chiarisca questo apparente buco narattivo.

terra nostra ultima puntata: è terribile, ma non l’ho vista neanch’io. Fonti affidabili mi informano tuttavia che alla fine tutti i personaggi femminili partoriscono tranne Jeanette (la vecchia malvagia che si fidanza col cocchiere), tutti si sono riconciliati tra loro (persino Matteo e Rosana, unbelievable!) ed infine Gumercindo o Francesco Maiano affidano a Matteo e Giuliana un pezzo di terra dove costruire la propria casa e coltivare la terra senza più stracciare le balle al mondo, Rosana e Massimiliano "Baffetto fatale" Maiano vivono felici e contenti nella loro casetta, Bartolomeo e Leonora mollano la fazenda e vanno a fare il vino a Porto Alegre, Florinda si fidanza o si sposa con Bruno ed i due bambini abbronzati (Barack Obama e suo cugino) vanno entrambi in una scuola da ricconi, sponsorizzati uno da Gumercindo e l’altro da Francesco Maiano. Insomma, va a finire così bene che non mi ha stupito trovare Veltroni tra gli sceneggiatori.

francesco maiano muore? Certo che no, come cazzo ti è venuto in mente? Quello ci seppellisce tutti. In "Terra Nostra 2", ambientato nei primi anni ’90, Francesco Maiano è ancora lì che fabbrica figli con la sua bella pastaia italiana, ed ha ricominciato a giocare a rugby.

(ci sono serie possibilità che io decida di dedicare il blog esclusivamente a questo argomento. Se non fate cadere il governo subito.)




18/3
2009

Tipo il telegiornale, ma con meno donne nude

E’ stata presentata l’alleanza con cui Vendola ed i suoi si candideranno alle prossime elezioni europee. Per una volta non mi dilungherò sul simbolo: è terribile, in linea con la concorrenza. Resto di stucco leggendo che nel cartello elettorale ci sono anche i socialisti. I socialisti?! Ma non l’avete ancora capito che quelli portano sfiga? Poi leggo che sono in corso contatti per includere anche Pannella, e lo stucco non basta più. Per fortuna, pare, Vendola è contrario, ad insistere per l’inclusione di Pannella è Craxi. CRAXI?! Vengo meno. Ascolta, Nichi, io lo so che il partito perfetto non esiste, che a mirare sempre all’ideale perfetto non si raggiunge mai un cazzo, ma se volevi farmi capire che nei tuoi confronti mi ero illuso e che il tuo progetto sarebbe degenerato nell’ennesimo guazzabuglio politichesco all’italiana, non occorreva tutto ’sto casino. Bastava un sms. Craxi, Pannella?! Djiucan! Devo cominciare a digiunare adesso per non vomitare a Giugno.

(Scherzo, Nichi. Sono ancora al tuo fianco, Nichi. Io l’ho capito che il tuo piano è mandarli in Europa per toglierceli dalle palle, Nichi. Sei forte, Nichi. Ni-chi. Ni-chi. Ni-chi. Olè!)

(sigh, che paese.)

[INTERVALLO]
Takashi Miike, il regista psicopatico che ci ha regalato Ichi the killer ed altri capolavori, ha appena presentato in Giappone il suo film su Yattaman. A questo punto ditemi se Watchmen ha ancora un senso. (no)

L’altra sera ho acceso la tivù tre secondi e c’era Prodi. Da quando ha lasciato la politica, sembra ringiovanito di dieci anni e a scanso di equivoci sì, lo voterei di nuovo e me ne pentirei di nuovo. La sua uscita dallo studio è stata accolta con un lungo applauso e dopo di lui è comparsa una persona bassa, antipatica e che faceva ridere. Un classico.

Domenica dopo pranzo ci si annoiava, i nipotinzi non sapevano con cosa giocare, allora io ed Amormio abbiamo loro proposto di darci una mano a spaccare la legna e a trasportare i pesantissimi ceppi di betulla al coperto. Si sono divertiti un casino. Il lavoro minorile è una pacchia, altroché.
[/INTERVALLO]

In visita al sacrario militare di El Alamein, il presidente del senato Schifani si è dichiarato orgoglioso "di far parte di un paese che ha sacrificato migliaia e migliaia di vite umane per difendere il valore della patria". Schifani è protetto dal lodo Al Fano quindi apparentemente può dire qualsiasi cazzata, perciò è anche passabile che paragoni i militari in Afghanistan (professionisti che "portano la pace" in giro per il mondo di propria spontanea volontà ed in cambio di un lauto stipendio) ai soldati, in gran maggioranza coscritti, che hanno combattuto ad El Alamein al seguito degli Afrika Korps di Rommel e che il proprio sacrificio se lo sarebbero probabilmente risparmiato di gusto. Mi chiedo però se lo abbiano narcotizzato durante il viaggio, lo Schifani, perché l’ultima volta che ho controllato El Alamein era in Egitto, quindi a un bel po’ di chilometri dal più vicino confine della patria da difendere. Che si fossero persi?




16/3
2009

La generazione senza SIM

Quand’è nato mio nonno, tipo un godziliardo di anni fa, suo padre si è ubriacato così tanto che non è riuscito ad andare a denunciarlo all’anagrafe prima di una settimana e dato che non poteva dichiarare all’impiegato comunale di aver passato una settimana a farsi passare la ciucca, mio nonno per tutta la vita, su tutti i documenti, ha sempre avuto la data di nascita sbagliata di una settimana.
Questo, tuttavia, non ha niente a che vedere con l’articolo 45, comma 1, lettera F del nuovo pacchetto sicurezza in via di approvazione, che di fatto impedirà agli immigrati clandestini di denunciare la nascita di un figlio rendendo necessaria la presentazione del permesso di soggiorno per la richiesta di atti di stato civile. Forse l’idea è che questa norma funga da deterrente, forse i leghisti, che hanno appena scoperto di non avercelo più tanto duro, tentano in questo modo di mettere in atto una sorta di vendetta nei confronti degli immigrati, costringendoli a trombare di meno. Il risultato più probabile (e non ci vuole una sfera di cristallo per capirlo*) è invece che i clandestini continueranno ad essere clandestini, rimarranno incinti, eviteranno di partorire in ospedale per non essere denunciati, si affideranno a privati più o meno medici più o meno abusivi rischiando di farsi male, avranno figli che non denunceranno per non essere denunciati, e questi figli saranno sostanzialmente invisibili alla Stato ed alle sue leggi, il che se da una parte può sembrare meraviglioso, dall’altra vuol dire che non potranno avere documenti, non andranno a scuola, non avranno a loro volta accesso né al servizio sanitario né a nessun tipo di servizio pubblico - ammesso che ne restino - e insomma dovranno impazzire ogni volta che vorranno dimostrare al mondo ed alla sua burocrazia di esistere. Non per essere catastrofista, ma tra dieci, massimo quindici anni questi ragazzi invisibili vorranno comprarsi un telefonino, e la tizia al centro vodafone non glielo potrà vendere perché non hanno la carta d’identità - e loro si arrabbieranno molto perché tutti i loro amichetti ce l’avranno senza problemi. Lo fronteggiate voi un esercito di ragazzi invisibili incazzati? Io no, e scommetto che anche Rorschach avrebbe qualche esitazione. Com’è che si chiamava ’sto pacchetto? "Sicurezza"? Bel pacco.



* Ma se ci vuole, io ce l’ho e l’ho di fatto usata per la stesura di questo post.


P.S.: Se arrivati a questo punto state ancora cercando il collegamento con la storia di mio nonno, siete capitati sul bloggo sbagliato.